Esisteva già nel 1480 e nelle sue adiacenze venne costruito il convento dei Verginiani nel 1691. La Chiesa disponeva di quattro altari ed era dedicata ai Santi Pietro e Paolo. Nel 1892 venne demolita e ricostruita all’interno del chiostro del convento occupando l’intera arcata est dove si è tenuto messa tutte le Domeniche fino agli anni ‘70. Dopo il terremoto del 1980 l’intero complesso verginiano, opportunamente ristrutturato, veniva utilizzato come sede del Municipio e la Chiesa veniva allestita in un locale sottostante accessibile dal largo Angelo Caruso. Sconsacrata per lungo tempo è stata riaperta al culto nel 2004 e dedicata, oltre a San Pietro, anche a Sant’ Alberico d’Altavilla. All’ingresso del Convento dei Verginiani è collocata una lapide che ricorda la visita effettuata dal Vescovo di Benevento Francesco Maria Orsini alla Chiesa di San Pietro.